«Io non voglio parlare con te». Le ragioni dell’odio nel linguaggio politico contemporaneo